Sabato, 25 Maggio 2013 08:12

Mario Monti a Porta a Porta

Ecco il video dell'ex premier Mario Monti a Porta a Porta del 22/05/2013. Entra accolto da un pubblico che lo acclama e l'intervista è un vero successo!

Vi proponiamo il video integrale


Pubblicato in Blog

Dopo oltre 60 giorni di non-governo, alla fine l’Italia ha optato per il “governo di larghe intese”. Incaricato da Giorgio Napolitano il nuovo premier è Enrico Letta che inaugura, così, la XVII Legislatura.

Il Governo Letta è ufficialmente in carica dal in carica dal 28 aprile 2013.

Il Governo ha ottenuto la fiducia alla Camera il 29 aprile 2013 con 453 sì, 153 no e 17 astenuti. Il giorno successivo ha ottenuto la fiducia anche al Senato con 233 sì, 59 no e 18 astenuti.

Pubblicato in Blog
"E quante volte viene? E a che distanza temporale? Può girarsi un'altra volta?", sono le parole che Silvio Berlusconi ha riservato ad un'impiegata della Green Power, Angela Bruno. L'interessata, se in un primo momento, a detta di altri, sembrava "lusingata", si tiene in disparte su Facebook dove scrive poche righe: "Sono allibita da ciò che leggo oggi sui giornali. Finora non ho avuto modo di difendermi, quindi, a seguito rilascio la mia prima dichiarazione: In qualità di Donna e di Madre, le battute del Cavaliere non mi hanno affatto onorato, solo imbarazzato". E prosegue: "La notizia dove mi dichiaro 'onorata' è falsa. Questa è la prima dichiarazione che rilascio. Sono vittima di una manipolazione mediatica. Molte grazie".

Ma quello che forse stupisce di più, oltre ai modi davvero poco lusinghieri del Cavaliere, sono le dichiarazioni della Green Power che tenta di minimizzare l'accaduto: "siamo stupiti delle esternazioni di Angela Bruno, nostra davvero valida collaboratrice, colla (testuale, ndr) quale per altro non riusciamo più a comunicare da ieri sera. Confermiamo che Angela, appena scesa dal palco, testimoni molti colleghi, oltre che video amatoriali che la ritraggono, ha espresso la sua grande soddisfazione, la grande felicità ed il privilegio di trovarsi sul palco, a fianco del Cavalier Berlusconi".

Visto ciò che la Bruno ha scritto su FB ci pare davvero strano..
Pubblicato in Blog
Lunedì, 04 Febbraio 2013 18:33

Programma Elettorale

  1. Potenziamento Rete Consolare e passaporto gratuito per gli iscritti all’AIRE
    Recuperare i tagli operati alla rete diplomatico-consolare per potenziarla e renderla più efficiente (con l’apertura di qualche nuova sede consolare e la riapertura della sede del Consolato di Lucerna in Svizzera), venire incontro alle esigenze del nostro organico  e migliorare  i servizi a favore della comunità  tramite informatizzazione con possibilità di accesso ai corrispondenti consolari, abolire la tassazione annua per i passaporti e garantire  a tutti coloro che sono iscritti all’AIRE  la gradualità del passaporto italiano.
  2. Assistenza e tutela sociale
    Sviluppare il sostegno sociale e valorizzare il ruolo dei Patronati che oltre ad offrire assistenza devono creare opportunità nei confronti dei connazionali all'estero, con particolare riguardo alle aree più disagiate dal punto di vista economico,  tenendo conto delle diverse esigenze dei vari paesi: da una parte, infatti, vi sono paesi europei, Stati Uniti, Canada e Australia, in cui gli Italiani  hanno raggiunto, salvo alcuni casi di difficoltà, un buon tenore di vita e di integrazione, dall’altra abbiamo invece l’America Latina con italiani in vere e proprie condizioni di indigenza.

    E’ necessario, quindi, operare a difesa del sistema di sicurezza sociale e dare piena attuazione ai regolamenti comunitari: particolare attenzione deve essere riservata agli anziani che spesso vivono ostacoli di carattere finanziario e sociale.
    E’ necessario provvedere alla modifica della normativa di legge in riferimento ai principi contenuti negli art. 2,3,28,32, e 35 della Costituzione, rilanciare gli ospedali all’estero che ad oggi hanno subito una forte crisi e garantire il beneficio dell’assistenza sanitaria italiana per i connazionali iscritti all’AIRE.
  3. Lingua e Cultura italiana
    Particolare attenzione va data agli istituti di cultura italiana all’estero: potenziarli, razionalizzarli e renderli più efficaci.
    La promozione della cultura, umanistica e scientifica e nello specifico della lingua Italiana all’estero, è da considerarsi essenziale nella costruzione di rapporti politici ed economici con paesi stranieri, soprattutto per il mantenimento dei vincoli che legano alle grandi collettività dell’immigrazione Italiana. Alta priorità deve  essere data alle scuole italiane di eccellenza all'estero che rappresentano un punto di forza di tutto il sistema Italia.
  4. Riconoscimento Cittadinanza Italiana
    Dopo la riforma della legge 5 febbraio 1992, n. 91, recante nuove norme sulla cittadinanza è emersa l’esigenza di un ritorno alla legge 1992 che riconosceva il diritto di cittadinanza  anche nel caso in cui la madre del nato fosse italiana: ciò significa riconoscere a tanti uomini e donne un rapporto profondo e proficuo, che di fatto già esiste, con la madre patria.

  5. Lavoro e formazione professionale 
    La mobilità occupazionale è un indice fondamentale per creare un effettivo mercato nel panorama del lavoro internazionale: bisogna sostenere la nuova mobilità professionale italiana per contrastare la disoccupazione nelle situazioni  di crisi economica, in particolare dove c’è una  forte presenza di comunità italiane. E’ necessario, quindi, riprendere in considerazione la proposta di legge per il riconoscimento dei diritti individuali di formazione affinché non si creino barriere di esclusione sociale dal mondo del lavoro, sia per gli italiani residenti all’estero che per chi desidera operare in paesi esteri.

  6. Imprenditoria italiana all'estero
    Favorire e rafforzare il tessuto economico sia ospitante che di riferimento della comunità italiana come volano di scambi commerciali e professionali tramite l’intervento di operatori  del sistema italiano e realizzare specifiche legislazioni per la promozione d’impresa.
  7. Informazione
    Investire più risorse nell'informazione, finanziamenti a favore dei giornali, radio e televisioni italiane all’estero soprattutto di piccole realtà per migliorare la presenza e la qualità dei programmi diretti agli italiani residenti all'estero e per mantenere viva la cultura  e l’immagine dell’Italia nel mondo: questo significa  mantenere vivo un legame  con le nostre comunità da decenni residenti all’estero, potenziando il flusso di informazione  in uscita e  in ritorno.
  8. Fiscalità
    Deve essere rivisitata a livello legislativo la tassazione in uso per rendere una fiscalità più equa nei confronti degli italiani residenti all'estero riguardo IRPEF, IMU, RIFIUTI URBANI, IMPOSTE SUI FABBRICATI.
  9. Organismi di rappresentanza 
    In tal senso occorre una riforma  del CGIE, la cui funzione oggi viene meno con l’elezione di parlamentari dei collegi esteri e un rinnovamento dei COM.IT.ES, organo fra i più rappresentativi per i nostri connazionali, per renderlo più  attento alla presenza di minoranze normalmente non rappresentate.

Pubblicato in Non categorizzato
Per restituire i soldi dell'Imu agli italiani, Berlusconi ha parlato di un accordo fiscale con la Svizzera. Stamattina Anrokos ha pubblicato un'intervista telefonica rilasciata dall'ex procuratore a Lugano Paolo Bernasconi, autore della legge elvetica antiriclaggio. Bernasconi ha ricordato che questo fusso verrebbe bloccato per almeno "quattro o cinque anni" attraverso un referendum: "Per prima cosa vorrei ricordare che il governo Berlusconi è stato per anni ferocemente avversario di questo tipo di accordi per molti motivi. Nel frattempo in questi anni in Svizzera è maturata un'opposizione popolare che ha portato ad una richiesta di referendum contro lo stesso accordo con la Germania, l'Austria e la Gran Bretagna, per la quale sono state raccolte le centomile firme necessarie. Se si facesse l'accordo con l'Italia -argomenta l'avvocato- ci sarebbe un'altra raccolta di firme con una successiva votazione popolare dall'esito quanto mai incerto, che comunque ritarderebbe il flusso desiderato da Berlusconi di almeno quattro o cinque anni".

Giudicate voi
Pubblicato in Blog

Lo aveva annunciato qualche tempo fa e a pochi giorni dalle elezioni, il leader della coalizione di destra, Silvio Berlusconi, ha sganciato una bomba che, a suo avviso, gli farà riconquistare il favore degli elettori: restituirà in contanti i soldi che gli italiani hanno versato per l’Imu. La bomba più che altro sembra uno scherzo di carnevale, e Berlusconi fa la figura della macchietta dato che i più avranno pensato: ma se questo Imu era cosi inutile, tanto da poterlo restituire a meno di 2 mesi dal saldo, perché mai Berlusconi non si è opposto quando è stato proposto in finanziaria la prima volta?  Inoltre, qual è il piano a lungo termine del PDL per risanare l’Italia? Questi rimangono ancora misteri e, insieme alle promesse non c’è nulla di veramente concreto.

Mario Monti ha rilasciato una breve intervista su twitter ricordando che “Berlusconi ha governato per tanti anni e non ha mantenuto nessuna promessa"; Casini, sulla scia di Monti:  “Le promesse fiscali di Berlusconi hanno un tasso di credibilità pari allo zero, perché ha sempre preso impegni in campagna elettorale che poi non ha mantenuto'.

Dal PD, dura la reazione di Bersani :“E' una promessa poggiata su una copertura di bilancio fantasiosa". Più colorito Vendola che ha paragonato il Cavaliere a Wanna Marchi e Otelma.

In tutto ciò, la campagna elettorale per le politiche 2013 continua e, grazie anche a quest’ultimo exploit del Cavaliere, somiglia sempre più al carnevale di Viareggio. Solo che a Viareggio hanno buon gusto.    

Pubblicato in Blog
Stamani a Montecitorio è stato presentato il nuovo libro di Francesco D'Onofrio "Quale strategia per il centro". All'evento era presente anche il leader dell'UDC, Pier Ferdinado Casini che ha ribadito la sua disponibilità verso Monti:
Pubblicato in Blog
Martedì, 29 Gennaio 2013 17:38

Vota Franco Aufiero

Pubblicato in Carosello home
Si sono aperti ieri a Roma i lavori del Consiglio permanente di Gennaio. Il Cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei, inaugurando il Consiglio, ha toccato questioni molto importanti quali la famiglia, la disoccupazione giovanile e la politica. Queste le sue parole:
Pubblicato in Blog
Agenda Monti App

L'Agenda Monti


L'applicazione dedicata all'Agenda Monti, articolata nei suoi quattro punti fondamentali: 

- Italia, Europa

- La strada per la crescita

- Costruire un'economia di mercato, dinamica e moderna

- Cambiare mentalità, cambiare comportamenti

Scaricala gratuitamente da qui
 

Newsletter

Live tweet


Link utili

Lista civica con Monti per L'Italia

UDC - Unione di Centro

Avvenire