Venerdì, 01 Febbraio 2013 14:20

Famiglia e politica: Un binomio possibile?

Vota questo articolo
(0 Voti)
Famiglia Famiglia Famiglia

La necessità di rendere la famiglia un soggetto sociale effettivamente riconosciuto e di peso nella società  è un atto imprescindibile. Per ottenere questo risultato è necessario stabilire quanto la famiglia sia importante e determinare i suoi diritti e doveri anche in rapporti con la politica. In questo articolo, la situazione attuale e le sfide per il futuro.

 

Lo scenario italiano e internazionale sia dal punto di vista sociale che politico, ma la situazione delle famiglie è peggiorata:  siamo gli ultimi in Europa per la bassissima natalità, per i pochi investimenti rispetto al Pil, per scarsità di servizi, per la mancata conciliazione tra le esigenze della famiglia e quelle del lavoro, per un fisco iniquo che non riconosce i carichi familiari, per la negazione della libertá di scelta educativa, per l'assenza di politiche familiari di ampio respiro sia a livello centrale che locale. Tutto questo comporterà tra pochi anni, per l'intera societá, enormi problemi economici, sanitari, assistenziali, pensionistici.

Il compito sociale della famiglia è chiamato ad esprimersi anche in forma di intervento politico: In tal senso le famiglie devono crescere nella coscienza di essere protagoniste della cosiddetta politica familiare e devono assumersi la responsabilità di trasformare la società.

La famiglia è un fondamentale perché: accoglie la vita, forma l’uomo, garantisce il ricambio generazionale eroga servizi alla persona, è un autentico soggetto economico, è “un’azienda” che produce capitale umano, educa i figli, la da ammortizzatore sociale. 

Occorre sostenere la maternità fin dal concepimento del bambino e impedire che le donne abortiscano per problemi economici, come avviene in Francia.

Occorre fare un’opera di prevenzione seria a partire dalla formazione della famiglia, valorizzando i suoi compiti di educazione e di cura che non sono vicariabili.

Occorre avviare politiche familiari non assistenziali e legate al reddito, ma che promuovano il principio di sussidiarietà e siano universalistiche.

La famiglia nella scuola non è presente perché non è preso in seria considerazione il suo compito educativo

La libertà di scelta educativa è contrastata per pura ideologia. Occorre rendere i genitori protagonisti e corresponsabili del governo della scuola e metterli in condizioni di scegliere la scuola che ritengono migliore per i loro figli. 

Una società naturale fondata sul matrimonio (Art. 29 Cost.), Un vincolo pubblicamente e responsabilmente assunto che lo Stato deve riconoscere come tale, un soggetto sociale che riguarda l’intera collettività.

Le sfide che attendono le famiglie:

  1. Governare i cambiamenti
  2. “Sentirsi” famiglia e rendersi conto delle proprie potenzialità
  3. Diventare capace di proporsi come asse portante non solo dell’Italia ma dell’Europa attraverso le proprie associazioni
  4. 4.   Riappropriarsi dei propri compiti educativi
  5. Diventare autorevole interlocutore delle istituzioni


Le Sfide che aspettano la politica:

  1. Investire risorse sulla famiglia, intesa come bene comune, riconoscendone i vantaggi che questo comporta
  2. Fare un’ opzione decisa a livello Nazionale e Locale a favore della famiglia, mettendola al centro di ogni iniziativa
  3. Assumere corretti criteri per politiche familiari efficaci:
-  la Solidarietà coniugata alla sussidiarietà
- distinzione  tra politiche sociali di lotta alla povertà - (equità verticale) e politiche familiari (equità - orizzontale) distinguendo, a parità di reddito, tra chi ha carichi familiari e chi non ne ha, come avviene in Francia e Germania.
- pensare a politiche universali e non legate al reddito (come avviene per le ristrutturazioni edilizie e le rottamazioni)
- riconoscere le associazioni familiari come autentici interlocutori.

Dal messaggio del S.Padre a 30 anni dalla Familiaris Consortio:

“…è compito delle stesse famiglie…compiere ogni sforzo perché siano riconosciuti i diritti di questa fondamentale istituzione sociale, a vantaggio dei singoli e dell’intera società (…) E’ necessario soprattutto passare ad una considerazione della famiglia come criterio di misura di tutta l’azione politica…”

Questo articolo è tratto da una presentazione power point a cura di Luisa Santolini, Capogruppo VII Commissione Cultura, Capogruppo, Commissione Bicamerale per l’Infanzia, Responsabile Nazionale dell’ufficio Famiglia, Scuola e Politiche familiari. 

Letto 12189 volte Ultima modifica il Venerdì, 01 Febbraio 2013 16:39
Agenda Monti App

L'Agenda Monti


L'applicazione dedicata all'Agenda Monti, articolata nei suoi quattro punti fondamentali: 

- Italia, Europa

- La strada per la crescita

- Costruire un'economia di mercato, dinamica e moderna

- Cambiare mentalità, cambiare comportamenti

Scaricala gratuitamente da qui
 

Newsletter

Live tweet


Link utili

Lista civica con Monti per L'Italia

UDC - Unione di Centro

Avvenire